Spettacolo
a cura dell'Avvocato Antonio Carrera

Contratto a tempo determinato per spettacoli televisivi o radiofonici.

CASSAZIONE CIVILE SEZ. LAVORO, 24 GENNAIO 2000 N. 774

MASSIMA

Con riguardo all'ipotesi prevista dall'art. 1 lett. E) l. 18 aprile 1962 n. 230, che - nel testo sostituito dalla l. 23 Maggio 1977 n. 266 - consente l'assunzione a termine di personale per specifici spettacoli o programmi radiofonici o televisivi, il prescritto requisito della specificità esige che le caratteristiche oggettive dello spettacolo o del programma richiedano un apporto peculiare e temporaneo, che non possa essere fornito dal personale assunto in pianta stabile; pertanto, va esclusa la liceità dell'apposizione del termine nell'ipotesi di mera individuazione nel contratto dello spettacolo o del programma per la cui realizzazione il dipendente sia assunto senza alcuna specificazione circa la natura e lo scopo di essi prescindendo dalla temporaneità delle esigenze che rendono necessaria l'assunzione.